Quali sono i costi del mantenimento di un camper? - Camperis

Quali sono i costi del mantenimento di un camper?

I costi del camper, tra manutenzione e assicurazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Gestire al meglio i costi di un camper è fondamentale per godere al meglio della tua casa su ruote senza alcuna preoccupazione.

Alla pari di un’automobile, il camper è soggetto a diverse spese, molte di queste appartengono ad aspetti puramente burocratici, come l’assicurazione o il bollo. Queste sono necessarie per viaggiare in camper in piena serenità.

C’è chi decide di affittare il camper per abbattere i costi, ma non sempre si rivela la scelta ideale. Scopri in questo articolo quali sono le spese di gestione e manutenzione di un camper e come tenerle sotto controllo.

I costi di un camper nuovo: dall’acquisto alle scadenze

Il primo passaggio per entrare nell’Universo dei camperisti è sicuramente comprare un camper. Se stai optando per un modello nuovo, dovrai tenere conto dei prezzi di mercato delle varie tipologie:

  • Mansardato: in media i prezzi si aggirano tra i 50.000 e i 65.000 €;
  • Semintegrale: la base di partenza è la stessa di un mansardato, ma si possono raggiungere anche i 90.000 €;
  • Furgonato: qui il prezzo base può essere anche di 40.000 € e la media si attiene a quella di un mansardato;
  • Motorhome: decisamente più costoso, parte dagli 80.000 € ma in diversi casi va ben oltre i 130.000 € per i modelli più lussuosi.

Una volta concluso l’acquisto, dovrai tener conto dell’assicurazione obbligatoria e prepararti ai costi di gestione del camper: questi riguardano le spese degli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria a cui sottoporre il tuo nuovo camper.

Per risparmiare sull’investimento iniziale e tagliare di netto i costi rispetto ai camper nuovi, puoi optare per un buon usato, scopri di più nel prossimo paragrafo.

Qual è il costo di un camper usato?

Rispetto ad modello nuovo, un camper usato vanta costi nettamente inferiori. Prima di procedere all’acquisto di una casa su ruote di seconda mano, dovrai assicurarti che questa sia in condizioni ottimali e pronta per la tua prossima avventura.

Il prezzo di un camper usato è influenzato principalmente 

  1. Dalla sua età;
  2. Dal numero di chilometri percorsi;
  3. Dalle condizioni in cui si presenta. 

Nella maggior parte dei casi, puoi acquistare un buon usato anche con un budget di circa 20.000 €.

Conseguentemente all’acquisto, dovrai considerare il costo del trapasso del camper, questo si aggira tra i 200 e i 600 €, l’importo varia in base alla massa e ai kW del mezzo. Oltre a questo, potrebbero essere necessari piccoli interventi, come sostituire gli oblò o lucidare la vetroresina.

Usato o meno, un camper è soggetto alle medesime spese fisse, continua a leggere per scoprire quali sono.

Quali sono tutti i costi di gestione del camper?

Le spese periodiche di un camper viaggiano in parallelo con quelle di un’auto, ma ci sono alcune piccole differenze, queste riguardano la natura stessa del veicolo in quanto funge anche da abitazione.

Per tenere costantemente sotto controllo i conti, dovrai ricordare tutte le scadenze e conoscere quali sono tutti i costi del tuo camper:

  • Assicurazione camper: obbligatoria per circolare su strada, l’assicurazione del camper ha costi che possono variare tra i 300 e gli 800 €. La cifra è fortemente influenzata dalla presenza o meno di coperture accessorie, come la polizza cristalli e l’assicurazione furto/incendio;
  • Bollo camper 2021: la tassa di proprietà ha una cadenza annuale. Il costo del bollo del camper varia di regione in regione ed è determinato sulla base dei CV del veicolo. L’importo finale è generalmente di 1€ per CV, ma ogni amministrazione applica differenti tassazioni;
  • Parcheggio: a meno ché tu non abbia un garage abbastanza spazioso, potresti aver bisogno di un luogo in cui parcheggiare il tuo mezzo tra un viaggio e l’altro. Quanto costa il rimessaggio del camper? I prezzi variano tra i 350 e i 1000€ annuali, l’importo esatto dipende dalle dimensioni del camper;
  • Tagliando: soprattutto per i modelli nuovi, sarà necessario sottoporre il veicolo a diversi interventi di manutenzione programmata stabiliti direttamente dal costruttore. Questi comprendono il cambio d’olio, la sostituzione della cinghia di distribuzione e altre piccole riparazioni al motore. Mediamente si spende circa 400 € per ogni tagliando e questo va effettuato ogni 2 anni o dopo aver percorso 30.000 Km;
  • Revisione: parte integrante delle scadenze obbligatorie, la revisione del camper ha un costo fisso di 65 €. Questa va effettuata dopo 4 anni nel caso di un modello nuovo, in seguito sarà obbligatorio farla ogni 2 anni.

Conoscere questo elenco ti aiuterà ad evitare brutte sorprese e ti darà una maggiore panoramica di quelli che sono i reali costi di un camper, oltre all’acquisto del mezzo e all’eventuale costo del passaggio del camper.

È importante conoscere bene questo elenco in quanto ti aiuterà a tenere sotto controllo i costi evitando brutte sorprese

Molte di queste spese possono essere ammortizzate o eliminate optando per un noleggio, scopri di più nel prossimo paragrafo.

Noleggiare un camper abbatte i costi?

Diversi camperisti rinunciano all’acquisto e decidono di affittare il camper. Che sia una formula a breve o a lungo termine, il noleggio elimina numerosi capitoli di spesa raggruppando i costi del noleggio del camper in un unico canone mensile:

  • Assicurazione
  • Manutenzione ordinaria e straordinaria
  • Tassa di proprietà

Questi vantaggi pesano notevolmente soprattutto se si considera di utilizzare il camper solo per pochi giorni all’anno, in questo caso il noleggio a breve termine è la soluzione ideale. 

Molti preferiscono il noleggio a lungo termine in quanto permette di entrare in possesso di un camper di ultima generazione.

Tutti i costi del camper a noleggio sono inclusi nella rata mensile ed eviterai anticipi o maxi rate finali: questo può essere vantaggioso ma comporta il pagamento del canone anche nei lunghi periodi di inutilizzo del camper, a cui vanno aggiunte anche le spese per il rimessaggio.

Come soluzione intermedia, l’acquisto di un camper usato permette di beneficiare a 360° della tua nuova casa su ruote permettendoti di entrare a pieno titolo nella comunità dei camperisti. 

L’ingente risparmio sull’investimento iniziale ti aiuterà a tenere a bada le spese periodiche.

Scegli un camper usato dalla gamma Camperis e preparati a vivere nuove esperienze!

Potrebbe interessarti anche..

Commenti

Nessuna risposta

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email