Batteria per servizi camper: tipologie, funzionamento e manutenzione - Camperis

Batteria per servizi camper: tipologie, funzionamento e manutenzione

La batteria servizi camper è fondamentale perchè risponde a tutte le esigenze energetiche delle apparecchiature e dispositivi a bordo del proprio veicolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La batteria servizi per camper è il vero e proprio cuore pulsante del tuo camper. Pensa a quanto sarebbe inutile portare a bordo televisione, cellulare, pc ecc… e non avere l’energia elettrica per utilizzarli.

Ecco, la batteria servizi è esattamente questo: un serbatoio di energia in grado di far funzionare correttamente tutti i dispositivi elettrici a bordo di un veicolo.

Solitamente, un camper è equipaggiato con due diverse tipologie di batterie: quella per l’avviamento del motore e quella per i servizi, che risponde alle necessità di corrente di tutti i dispositivi e gli accessori elettrici presenti in un camper.

Che si tratti di caricare il cellulare, tenere acceso il riscaldamento o alimentare il frigorifero della cucina, una batteria servizi è l’accessorio più importante e che non deve mai mancare a bordo del proprio mezzo, se si vuole avere un’indipendenza energetica.

Trattandosi di un accumulatore di energia così indispensabile per utilizzare al meglio un camper, è fondamentale anche conoscerlo bene. In questo articolo, ti aiuteremo a capire qual è la batteria servizi più adatta al tuo uso, dandoti tutte le informazioni necessarie ad una scelta consapevole.

Batterie per i servizi del camper: quante tipologie esistono?

La batteria servizi, dunque, consente di accumulare l’energia necessaria ad utilizzare e/o caricare tutti gli accessori e le apparecchiature che si trovano all’interno di un camper, come frigorifero, computer, televisione, condizionatori, pompe per l’acqua, luci ecc…

Sul mercato esistono diverse tipologie di batterie servizi:

  • Ad acido libero;
  • A gel;
  • AGM;
  • Al litio.

Cerchiamo di capire nel dettaglio le caratteristiche di ciascun tipo di batteria, così da comprendere meglio quale può essere più indicata per le esigenze energetiche del tuo camper.

Batteria servizi ad acido libero e al litio: come funzionano?

Le batterie ad acido libero sono batterie a scarica lenta e profonda composte da piastre positive e negative sospese all’interno di un elettrolita, ovvero una soluzione di acido solforico e di acqua distillata, che consente il passaggio della corrente elettrica.

Sono le più economiche sul mercato e rappresentano sicuramente un buon compromesso tra il costo contenuto e la capacità di carica. Di contro, però:

  • C’è il rischio che emettano esalazioni nocive o che abbiano delle perdite;
  • Richiedono un tempo maggiore di ricarica rispetto alle batterie a Gel e alle AGM;
  • Necessitano di manutenzione ed hanno una ciclo di vita medio più basso delle altre tipologie.

Per quanto riguarda, invece, le batterie a Litio, si tratta delle batterie che offrono le maggiori prestazioni possibili. Sono batterie compatte e leggere in termini di peso che però sono in grado di erogare il massimo della potenza fino all’ultimo ampere disponibile.

Sono più veloci nel ricaricarsi ed il loro ciclo di vita è molto esteso rispetto ad altre tipologie di batterie (possono arrivare fino a 2500 cicli). Tutti questi vantaggi però si traducono in costo davvero elevato, che richiede un notevole investimento iniziale.

Batteria servizi per camper agm o gel: che differenze ci sono?

Le batterie a scarica lenta AGM sono tra le più indicate per l’utilizzo a bordo di un camper poiché:

  • Funzionano bene con scariche lente e profonde;
  • Si ricaricano rapidamente;
  • Resistono a molti cicli di ricarica;
  • La scarica per inutilizzo è di circa il 3-4% mensile;
  • Hanno dimensioni compatte;
  • Sono a tenuta stagna e sopportano bene le vibrazioni;
  • Possono essere installate indifferentemente sia in piedi che messe di lato;
  • Non sono soggette a perdite ed esalazioni nocive;
  • Non richiedono manutenzione.

Questo tipo di batteria non contiene acido liquido all’interno, ma una specie di tessuto assorbente in fibra di vetro che trattiene l’acido, così da ottimizzare il volume ristretto della batteria e, al contempo, ottenere prestazioni più efficienti.

AGM, infatti, sta per “Absorbed Glass Mat”, che letteralmente significa “Tappetino in vetro assorbito”.

La batteria al gel, invece, ha una struttura molto simile a quella ad acido libero. L’unica differenza è nella composizione dell’elettrolita che non è in forma liquida, bensì si trova allo stato gelatinoso grazie all’aggiunta di acido silicico.

Le batterie a gel presentano molte delle funzionalità e delle caratteristiche delle batterie AGM. Anche in termini di qualità ed efficienza le prestazioni sono molto simili. Tuttavia le batterie a gel oltre ad avere un ciclo di carica e scarica più basso (1800 volte circa), hanno un prezzo maggiore e sono anche più delicate.

Se non si utilizza un regolatore o un carica batterie con una specifica tensione, infatti, possono andare incontro a danni anche irreparabili.

Qual è la dimensione della batteria servizi camper migliore?

Meglio una batteria servizi camper da 200 Ah o da 100 Ah?

Quando parliamo di dimensioni della batteria, dobbiamo sempre far riferimento a due delle sue caratteristiche più importanti, ovvero la:

  1. Tensione in volt;
  2. Capacità, misurata in Ah (ampere per un’ora).

La capacità indica banalmente quanta carica elettrica è presente all’interno di una batteria. La tensione, invece, misura il dislivello elettrico che intercorre tra i poli di una qualsiasi batteria, maggiore è questa tensione e maggiore sarà la quantità di corrente che può passare.

Detto questo, non esiste una dimensione della batteria migliore di un’altra. La scelta è sempre relativa a quelle che sono le esigenze di ciascuno.

Come calcolare la dimensione della batteria per il camper?

L’impianto elettrico presente a bordo di un camper medio viene alimentato solitamente da una batteria di 12 V di tensione. L’amperaggio della batteria necessario dipende molto anche dai carichi elettrici giornalieri dell’impianto (ovvero quali dispositivi si utilizzeranno ogni giorno e per quanto tempo).

Per calcolare l’energia che ti serve, devi verificare quanto assorbono le apparecchiature a bordo del camper. Puoi farlo moltiplicando il numero dei Watt indicati sull’etichetta del dispositivo per il numero di ore che intendi utilizzarlo.

Sommando i calcoli che avrai fatto per tutti gli apparecchi puoi avere una stima della quantità di energia necessaria ogni giorno. Poiché la capacità di una batteria è misurata in Ampere, puoi ricavarteli partendo da questa formula: Potenza (Watt) = Tensione (Volt) x Corrente (Ampere) da cui avrai Ampere = Watt/Volt.

In ogni caso, una batteria servizi camper da 100ah rappresenta un buon compromesso, anche in rapporto al prezzo. Questo tipo di batteria è in grado di erogare un ampere di corrente per 100 ore oppure una corrente di 100 ampere per un’ora, prima che si scarichi completamente.

Facciamo un esempio pratico: se il caricatore del tuo smartphone ha un dato di 1 Ampere, per scaricare completamente la batteria dovresti tenere il telefono in carica per 100 ore.

Tuttavia, devi sempre considerare che la batteria servizi non va mai scaricata completamente, altrimenti si rovinano. Quindi per una batteria servizi camper da 100ah a scarica lenta puoi utilizzare al massimo 60Ah prima di doverla ricaricare.

Continua a leggere il prossimo paragrafo per comprendere meglio la questione della durata della batteria e della carica.

Come ricaricare la batteria servizi per camper ?

La batteria servizi per camper deve essere a scarica lenta, ovvero progettata per fornire una corrente costante per lunghi periodi man mano che la batteria si scarica.

L’energia che si consuma all’interno di un camper, infatti, è costante e non richiede quasi mai elevate quantità di Ampere in pochi minuti di utilizzo.

Come ogni altra batteria, anche quella dei servizi necessita di una ricarica. Questa può avvenire in tre modalità differenti:

  1. Mediante un l’alternatore del vostro camper;
  2. Con i pannelli solari;
  3. Allacciandosi alla rete 220V.

Un accorgimento per non danneggiare la batteria e mantenerla sempre efficiente è quello di non farla scaricare del tutto prima di iniziare un nuovo ciclo di ricarica.

Un’altra regola fondamentale da seguire è quella di ricaricarla completamente almeno ogni 15 giorni per 24/36 ore, soprattutto se non si utilizza il veicolo per lunghi periodi. Paradossalmente, le batterie servizi durano di più se utilizzate costantemente.

Nel caso la batteria risulti scarica e non riesce a caricarsi in alcun modo, allora, molto probabilmente è arrivato il momento di sostituirla. Nel prossimo paragrafo ti spiegheremo come effettuare questa operazione e quali sono gli errori di manutenzione che non devi mai commettere.

Manutenzione e sostituzione della batteria per servizi del camper: gli errori da non fare

La sostituzione della batteria servizi è molto semplice, ma va fatta prestando particolare attenzione e seguendo alla lettera il manuale del proprio camper, nonché quello allegato alla nuova batteria che hai acquistato.

Una volta smontata la vecchia batteria, che andrà smaltita in un centro di smaltimento autorizzato, dovrai innanzitutto procedere a pulire il vano batteria e ad un controllo approfondito dello stato di integrità dei cavi.

Dopo aver inserito la nuova batteria servizi, dovrai serrare le staffe e fissare correttamente i morsetti senza invertire la polarità, altrimenti la batteria non funzionerà come dovrebbe. Un buon consiglio è quello di coprire i morsetti con del grasso, per proteggerli dall’ossidazione. A questo punto la batteria è pronta per essere utilizzata.

Ma veniamo ora agli errori frequenti di manutenzione che creano problemi alla batteria. Se non vuoi rovinare irrimediabilmente la vacanza, ecco cosa devi assolutamente fare nella gestione della batteria:

  •  La batteria non va mai lasciata scarica per troppo tempo, rischieresti di non riuscire più a recuperarla: una carica ogni 15 giorni per almeno 1 giorno è sufficiente;
  • Controllare la batteria durante il ciclo di carica, per evitare che qualche malfunzionamento del caricatore o qualche difetto della batteria stessa possa danneggiarla;
  • Non tenere la batteria attaccata al caricatore troppo a lungo, procurati un timer e imposta uno o due cicli di carica giornalieri, di un’ora ciascuno;
  • Controllare spesso che i morsetti di collegamento siano puliti, la loro ossidazione può danneggiare anche la batteria servizi;
  • Testare sempre la carica della batteria, prima di mettersi in viaggio oppure dopo aver spento il motore (circa un’ora).

Molto utile a controllare prima di ogni viaggio lo stato della batteria sono le centraline di servizi del camper, ovvero una sorta di pannello di controllo in cui sono riportati tutti i dati relativi alla tensione della batteria di avviamento e di servizio.

Dalla scelta di una buona batteria servizi e da una sua adeguata manutenzione può dipendere la buona riuscita di una vacanza.

In questo articolo ti abbiamo dato tutte le informazioni necessarie per una gestione corretta della tua batteria. Ora che conosci tutto, siamo sicuri che non avrai alcun tipo di problema a bordo del tuo camper.

A questo punto, non ti resta che visitare il sito di Camperis: il tuo camper nuovo o usato in pronta consegna ti aspetta per partire verso nuove avventure.

Potrebbe interessarti anche..

Commenti

Nessuna risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email